Rapolano Terme nasce come castello della famiglia Cacciaconti nel XIII secolo e passa quasi subito nell'orbita della Repubblica di Siena, di cui è uno degli ultimi baluardi contro le incursioni aretine.

All'interno del centro storico, tutto chiuso dalle mura ormai inglobate dalle case, ma ancora ben definite e segnate da numerosi torrioni, si conservano ben quattro chiese: la Parrocchia Santa Maria Assunta, l'Oratorio della Misaricordia, la Chiesa del Corpus Domini e la piccola Chiesa di San Bartolomeo, forse la più antica (è situata nella parte più alta e vecchia del borgo, il Castellare).


L'edificio sacro più importante si trova però fuori dal paese, la Pieve di San Vittore, risalente al XI secolo, con una maestosa impronta romanica e una terrazza stupenda sulle crete sottostanti.

Nel territorio comunale, numerose frazioni, un tempo fortificazioni o castelli, ancora conservano una struttura militare e tracce ben visibili del passato: Armaiolo, Modanella e Poggio Santa Cecilia meritano sicuramente una visita, anche per gustare il meraviglioso paesaggio che li circonda.


Fonte Primamedia Editore